(Nella foto Walter Ferreri vicino un telescopio dell'Osservatorio INAF di Torino: Credits Emmanuele Macaluso)

 

PERSONAGGI E PERSONALITA': INTERVISTA A WALTER FERRERI

 

Venerdì, 4 aprile 2014

 

Walter Ferreri svolge la sua attività professionale presso l’Osservatorio Astrofisico di Torino dove, oltre che di ricerca scientifica si occupa di telescopi e di astrofotografia.

Sul tema della ricerca scientifica ha svolto numerosi lavori sulle stelle doppie, comete, su Plutone, sulle posizioni degli asteroidi, loro principali caratteristiche e oro ricerca. Per questi lavori ha utilizzato i maggiori telescopi italiani ed ha lavorato presso alcuni osservatori all’estero. In particolare presso l’ESO, in Cile, ha scoperto circa una trentina di asteroidi.

Per il lavoro svolto nel 1987 la comunità scientifica internazionale ha dato il nome “Ferreri” all’asteroide 3308 (1981 EP). Ha scritto molti libri, collaborato ad opere enciclopediche e stilato centinaia di articoli. Nel 1977 ha fondato la rivista “Orione”, nella cui versione attuale “Nuovo Orione” è direttore scientifico.

È consulente di enti pubblici, privati, emittenti radio-televisive e giornali.

Tiene regolarmente corsi di astronomia e conferenze. Nel 1993 gli è stato assegnato il premio “Targa Piazzi” e nel 2013 ha ricevuto il premio “GAL Hassin”.

 

-

 

Sono le 14 e 30 circa dell’undici marzo del 2014 all’Osservatorio Astrofisico di Torino, sulle colline di Pino Torinese.

Il Prof. Walter Ferreri ci accoglie nel suo ufficio, situato a pochi passi dalla struttura architettonica futuristica del Planetario di Torino, con il suo sorriso e con quella serenità tipica di chi ha la fortuna di fare un mestiere che "ti appassiona tanto da entrarti dentro". L’intervista inizia in un clima informale e rilassato.

 

D. Mi racconti della sua scelta di diventare un astronomo, quando e come si è appassionato a questa scienza?

R. All’età di 7/8 anni, ci fu un acquisto da parte dei miei genitori che mi indirizzò in questa direzione. Si trattava di un’enciclopedia per ragazzi, che tra l’altro ho ancora. Rimasi affascinato dai grandi numeri, le distanze e tutti quei dati che erano così difficili da immaginare, in alcuni casi sembravano addirittura difficili da credere. La volontà di comprenderli mi ha fatto avvicinare all’astronomia e quindi il mio piano di studi ha seguito questi miei interessi.

 

D. Molti dei lavori che compongono la sua bibliografia sono dedicati al nostro satellite naturale, come mai?

R. Ritengo che la Luna sia un po’ trascurata. La volontà di spingersi sempre un po’ oltre, di guardare altrove, talvolta per apparire un po’ più “raffinati” ci porta ad essere forse un po’ troppo superficiali rispetto alle cose che ci sono più vicine.

 

D. Della Luna, si è pensato per molti anni che non ci fosse più molto da scoprire. Eppure è solo di pochi anni fa la scoperta, da parte di una sonda, della presenza ghiaccio ai poli lunari. Come mai questa scoperta così recente?

R. Ad un certo punto si è pensato che  la Luna fosse più una questione legata all’astronautica piuttosto che all’astronomia.

 

D. A proposito di astronautica e Luna. Come ha vissuto, nel luglio del 1969, lo sbarco sulla Luna dell’Apollo 11?

R. Con “eccitazione” e “impazienza”. Quando lo sbarco avvenne era notte qui in Italia, e io mi chiedevo: “ma quanto ci mettono ad uscire dal LEM”? (1)

Fu una grande emozione, anche se credo che molte delle persone dell’epoca non si siano davvero rese conto di quanto fosse importante quell’evento. La rivalità tra americani e russi ha trasformato la “corsa allo spazio” in una vera e propria competizione, togliendo qualcosa alla parte scientifica.

 

D. Il progetto Apollo venne interrotto in anticipo a causa del calo di interesse da parte del popolo americano. Divenne impossibile continuare a finanziare un progetto che non aveva più il benestare appassionato della nazione. Come potremmo spiegare “all’uomo della strada” l’importanza dell’astronomia come scienza e come investimento collettivo?

R. L’osservazione è importante sotto molti punti di vista e per motivi diversi.

Il controllo e la ricerca di eventuali meteoriti in rotta di collisione con la Terra sarebbe un fattore che da solo basterebbe a giustificare gli investimenti dedicati all’astronomia. Noi oggi abbiamo la possibilità di accorgerci in tempo di un eventuale meteorite in arrivo verso il nostro pianeta, e grazie all’astronautica potremmo agire per evitare l’impatto.

 

D. Il rischio di impatto è reale?

R. Si, è reale.

 

D. Concludendo il capitolo Luna, il programma Apollo ha anche aperto la strada alla teoria del complotto che vuole che Armstrong e Aldrin non abbiamo camminato sul suolo lunare. Cosa ne pensa?

R. Abbiamo visto il razzo partire e i segnali radio provenivano dalla Luna. In più un satellite russo era orbita e ci sarebbero stati gli interessi per smentire gli Stati Uniti. “Tra gli addetti ai lavori si sapeva che era tutto vero”.

La NASA fece un errore a ritoccare alcune foto, “ripulendole” per renderle più fruibili al pubblico. Questo ha dato adito agli amanti dei complotti.

 

D. Qual è la sua visione relativa ad altre fonti di vita nello spazio?

R. “Io penso che non siamo soli nell’universo”; anche se credo che le condizioni per lo sviluppo della  vita possano essere inferiori rispetto a quelle che si potrebbero immaginare.

La mancanza di vita su Marte ad esempio, nonostante la sua vicinanza alla Terra e la sua distanza dal Sole ci fa ragionare molto a proposito di questa affermazione. La vita, come la intendiamo noi, ha bisogno di condizioni che sono molto difficili da ricreare.

 

D. Un asteroide porta il suo cognome. Ci racconta la storia di questa scoperta?

R. Intanto bisogna dire che l’asteroide non l’ho scoperto io, ma un astronomo belga che si chiama Henry Debehogne. Io ne ho scoperti altri.

Per gli asteroidi, al contrario che per le comete che riportano sempre il nome dello scopritore, vi è la facoltà di decidere quale nome dare, e spesso non si opta per l’identità dell’astronomo scopritore.

Debehogne ha avuto piacere di dare il mio cognome all’asteroide che ha scoperto come segno di stima nei miei confronti, per i miei lavori scientifici.

 

D. La sua attività di divulgatore scientifico, l’ha portata a fondare una rivista che si occupa di astronomia e che oggi si chiama Nuovo Orione e della quale lei è direttore scientifico. Ce ne racconti la storia.

R. La rivista è nata per volontà del pubblico e degli appassionati. Molto spesso, durante le visite guidate (negli anni ’70 ndr), mi chiedevano se esistesse una rivista astronomica da acquistare. A quei tempi esisteva una rivista intitolata “Coelum”, che non è quella di oggi e che aveva la caratteristica di essere molto tecnica e difficilmente comprensibile per il pubblico di appassionati. Nel 1973, insieme ad altre persone, fondai “Orione”. Ai tempi si trattava di un ciclostilato che nel 1977 passò alla stampa tipografica. Alcune vicissitudini legate al fallimento della casa editrice dell’epoca portarono il progetto alla fine. Ci rivolgemmo ad una nuova casa editrice per continuare l’esperienza e il progetto prese il titolo “Nuovo Orione”, per segnare la differenza con quanto avvenuto prima. Il progetto continua ancora oggi.

 

D. Nel corso della sua carriera ha avuto la possibilità di lavorare insieme a Margherita Hack. Ci dà un suo ricordo della Professoressa?

R. “Margherita era netta e spigolosa. Pane al pane e vino al vino”.

Con lei ho scritto due libri. Durante la stesura del primo libro aveva avuto un approccio molto “energico”, come il suo carattere. Quando non era convinta di qualche contenuto non aveva difficoltà a farlo notare.

Durante la stesura del secondo, la stanchezza e il peso degli anni si fecero sentire maggiormente.

“Di Margherita ricordo, nonostante l’età avanzata, la grande capacità di innovazione e di memorizzazione dei dati”.

 

D. Lei prima ha detto che la Luna venne “lasciata” all’astronautica. Tuttavia l’astronautica e l’astronomia collaborano insieme in molti progetti. Uno di questi è quello relativo alla sonda Gaia (2), che mapperà la Via Lattea in 3D e che vede impegnato l’Osservatorio Astrofisico di Torino.

R. Gaia è un progetto dell’ESA (l’Agenzia Spaziale Europea ndr), e come osservatorio posso dire con orgoglio che siamo dei riferimenti per quanto riguarda il progetto. È un progetto dalla durata di 5/8 anni e noi ci occupiamo del software. Un impegno notevole.

 

D. Lei è un divulgatore scientifico, concludiamo questa intervista con una sua definizione di divulgazione?

R. Divulgare dovrebbe voler dire non solo diffondere in modo comprensibile ma anche rendere gradevole e appassionante ciò di cui si parla.

 

 Emmanuele Macaluso

 

(1) LEM (Modulo di Esplorazione Lunare)

 

(2) http://www.ilsole24ore.com/art/tecnologie/2013-12-19/lanciata-sonda-esa-gaia-mappera-via-lattea-3d-115216.shtml?uuid=AB0st1kv

 

 
 

 

 

 

 

 

POWERED BY

 

 

MEDIA PARTNER

 

 

 

TECHNICAL PARTNER

 

 

 

WEBSITE PARTNER

 

 

 

           
Cookies Policy:
questo sito potrebbe utilizzare cookies di terze parti per migliorare la navigazione del sito. Continuando la navigazione in questo sito, si acconsente all’uso di tali cookies. In alternativa è possibile rifiutare tutti i cookies cambiando le impostazioni del proprio browser, oppure uscendo dal sito.
               

 

 

  COSMOBSERVER
Chi siamo / Who We Are / TheCOSMOBSERVER
The Founder / Emmanuele Macaluso
Indice Articoli / Articles Progetti / Projects
Divulgazione e infotainment
Centro di documentazione e divulgazione
Gruppo Osservazione Astronomica
Our Partners
Updates
Servizi e attività / Le nostre competenze
Contact

MEDIA
Rassegna Stampa / Press Review
Press Kit
Newsletter

DOWNLOAD
Bilanci di missione
Press Kit

Ethics Line / CSR
Credits
Note legali / Legal Advice

Licenza Creative Commons - Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate - CC BY-NC-ND

Maggiori informazione nella sezione legal del sito - Powered by Factory Performance Associazione - PI/CF 10265540012

Cosmobserver è un sito non periodico di divulgazione scientifica dedicato all'astronomia, astrofisica e astronautica

 Best site view resolution / Risoluzione consigliata 1024 x 768