(Un’immagine di una delle 2 sonde Voyager fornita dalla Nasa)

 

VOYAGER 1 E 2: 40 ANNI NELLO SPAZIO A SERVIZIO DELLA SCIENZA

 

Martedý, 5 settembre 2017

 

 

Era il 1977 quando il Programma Voyager della Nasa portava le due sonde gemelle sulle rampe di lancio per un viaggio spaziale che dura ancora oggi. La prima ad essere lanciata a bordo di un razzo Titan III fu la sonda Voyager 2. Era infatti il 20 agosto 1977, quando lasci˛ per l’ultima volta la Terra da Cape Canaveral, con l’obiettivo di avvicinarsi ai pianeti GioveSaturno.

Qualche giorno dopo, il 5 settembre 1977, fu la volta di Voyager 1, stivata a bordo di un Titan IIIE, che dalla stessa base della gemella partý verso i due pianeti giganti, attraverso una traiettoria che avrebbe superato quella della Voyager 2. La missione si rivel˛ un successo dal punto di vista scientifico e tecnico, con dati e immagini che hanno permesso di conoscere in modo approfondito molti aspetti dei 2 pianeti, delle loro lune e degli anelli.

 

Le Voyager attorno Giove

La prima ad avvicinarsi a Giove fu la sonda Voyager 1 che nel gennaio 1979 inizi˛ a fotografarlo. Il passaggio del pianeta avvenne il 5 marzo dello stesso anno. La sonda continu˛ a scattare fino al mese di aprile. Voyager 2 invece, sorvol˛ il pianeta gigante il 9 luglio dello stesso anno.

 

Saturno

Il secondo pianeta ad essere studiato dalle sonde fu Saturno. Il 12 novembre 1980 Voyager 1 pass˛ nel punto pi¨ vicino a Saturno ad una distanza di soli 120.000 Km, seguita qualche mese dopo dalla gemella. Era infatti il 26 agosto del 1981 quando la Voyager 2 pass˛ nel punto pi¨ vicino al pianeta.

Furono molte le scoperte che le sonde hanno portato all’attenzione della comunitÓ scientifica internazionale, soprattutto in relazione alle lune dei due pianeti. Quello del programma Voyager fu un tale successo che continua ancora oggi. Vista la capacitÓ di funzionamento delle sonde, si decise quindi di far proseguire le corse delle sonde verso il sistema solare esterno.

 

Sistema solare esterno – Urano, Nettuno e oltre

Dopo il sorvolo di Saturno da parte delle sonde, le strade di Voyager 1 e Voyager 2 si sono divise. Da questo momento la pi¨ attiva dal punto di vista esplorativo e scientifico Ŕ stata Voyager 2, inviata verso Urano e Nettuno. Il 24 gennaio 1986 ha raggiunto Urano, mentre tre anni e mezzo dopo, il 25 agosto 1989, ha raggiunto Nettuno, fornendo immagini e dati preziosi per la ricerca scientifica. Voyager 1 invece ha iniziato direttamente la sua corsa verso l’esterno del sistema solare in direzione dello spazio interstellare.

 

Le sonde oggi

Voyager 1 Ŕ attualmente l’oggetto costruito dall’uomo pi¨ lontano dalla Terra. Il 12 settembre del 2013 la Nasa ha reso pubblica la notizia secondo la quale, il 25 agosto del 2012, la Voyager 1 Ŕ entrata ufficialmente nello spazio interstellare, ad una distanza di circa 121 UA dal Sole.

La Voyager 2 Ŕ il terzo oggetto costruito dall’uomo pi¨ distante dalla Terra, dopo la sonda gemella Voyager 1 e la sonda Pioneer 10. Voyager 2 non supererÓ mai la 1, ma dovrebbe “sorpassare” Pioneer 10 intorno al 2023.

Le due sonde del programma Voyager sono in fase di rallentamento e secondo i calcoli saranno funzionanti fino al 2025. Ogni sonda Ŕ alimentata da una batteria RTG che ne permette l’attuale funzionamento seppur in modo sempre pi¨ ridotto. Tuttavia, sarÓ difficile che il contatto tra le sonde e la Terra duri fino alla fine della vita operativa delle due Voyager. GiÓ l’anno prossimo, nel 2018, dovrebbe smettere di funzionare correttamente il giroscopio che permette l’allineamento dell’antenna verso la Terra.

 

CuriositÓ

A bordo delle due sonde Ŕ  stato installato il “Voyager Golden Record”, un disco registrato e placcato in oro che contiene “immagini e voci dalla Terra”. Un messaggio inserito nel caso entrasse in possesso di eventuali forme di vita intelligenti. Le istruzioni sono presenti sulla copertina del disco.

Il nome Voyager Ŕ diventato in diverse culture sinonimo di scoperta scientifica e divulgazione. In Italia ad esempio, il nome Voyager Ŕ stato scelto come titolo di una fortunata serie divulgativa in onda sui canali Rai. Nel resto del mondo sono numerose le imprese scientifiche che si svolgono sotto questo nome.

 

E mentre scriviamo questo articolo, Voyager 1 e Voyager 2 continuano ad allontanarsi dalla Terra, verso lo spazio interstellare e oltre.

 

 

Emmanuele Macaluso

 
 

 

 

 

 

 

POWERED BY

 

 

 

MEDIA PARTNER

 

 

 

 

SITI PARTNER

 

 

 

 

PARTNER TECNICI

 

 

           
Cookies Policy:
questo sito potrebbe utilizzare cookies di terze parti per migliorare la navigazione del sito. Continuando la navigazione in questo sito, si acconsente all’uso di tali cookies. In alternativa Ŕ possibile rifiutare tutti i cookies cambiando le impostazioni del proprio browser, oppure uscendo dal sito.
               

 

 

  COSMOBSERVER
Chi siamo / Who We Are / TheCOSMOBSERVER
The Founder / Emmanuele Macaluso
Indice Articoli / Articles Progetti / Projects
Divulgazione e infotainment
Centro di documentazione e divulgazione
Gruppo Osservazione Astronomica
Our Partners
Updates
Servizi e attivitÓ / Le nostre competenze
Contact

MEDIA
Rassegna Stampa / Press Review
Press Kit
Newsletter

DOWNLOAD
Bilanci di missione
Press Kit

Ethics Line / CSR
Credits
Note legali / Legal Advice

Licenza Creative Commons - Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate - CC BY-NC-ND

Maggiori informazione nella sezione legal del sito - Powered by Factory Performance Associazione - PI/CF 10265540012

Cosmobserver Ŕ un sito non periodico di divulgazione scientifica dedicato all'astronomia, astrofisica e astronautica

 Best site view resolution / Risoluzione consigliata 1024 x 768